logotype
image1 image2 image3
Webdesign

PETRARCA, FRANCESCO (Code: )

PETRARCA, FRANCESCO

Secreto de Francesco Petrarcha in dialogi di latino in vulgar & in lingua toscha tradocto nouamente cum exactissima diligentia stampato & correcto. Venezia: per Nicolo zopino & Vicentio compagno, 9 marzo 1520.

In-8° (150x97 mm), [80] c. carattere romano, testo su due colonne di 30 linee. Frontespizio stampato in rosso e nero con una bellissima silografia raffigurante cinque poeti laureati firmata Z.A. (Zoan Andrea), tre iniziali istoriate e marca tipografica dello Zoppino sull’ultima carta. Legatura in piena pergamena del XVII secolo, titolo manoscritto al dorso. Provenienza: Francesco Hippoliti (firma al frontespizio); W.A. Foyle, Beeleigh Abbey (ex libris). Bell’esemplare, qualche lieve arrossatura. Una leggera gora nel margine superiore e un rinforzo al margine esterno del frontespizio.

Seconda edizione della prima traduzione in italiano (Siena 1517) ad opera di Francesco Orlandini. Composto tra il 1342 e il 1343, rielaborato quindici anni più tardi il Secretum svolge nella forma del dialogo allegorico tra il poeta e Sant’Agostino, mentre la Verità assiste silenziosa, i temi più tipici della sensibilità petrarchesca. "L'opera è divisa in tre libri, il primo dei quali contiene, sotto forma di introduzione generale, una discussione sull’incapacità del Petrarca di raggiungere la pace spirituale. Nel secondo libro Agostino passa in rassegna le colpe del Petrarca, facendo riferimento ai sette peccati capitali: Francesco supera la prova abbastanza bene salvo nel caso dell’incontinenza e in quello dell’accidia intesa nel senso di una sorta di abbattimento spirituale. Il terzo libro, è ancora più intimo e personale, e tratta … della vita interiore del poeta. Le due «catene» di Francesco – che lo legano agli aspetti terreni dell’esistenza impedendogli l’anelata pace spirituale - sono il suo amore per Laura e il suo desiderio di gloria. Tutto il libro è un’appassionata discussione sulla natura delle due «catene», e mentre gli attacchi di Agostino sono sostenuti da una straordinaria acutezza di analisi e forza di convinzione, la difesa di Francesco è altrettanto coraggiosa nel sostenere l’essenziale purezza del suo amore per Laura e la essenziale nobiltà del suo desiderio di gloria. Alla fine del dialogo non c'è accordo tra i due interlocutori". (E.A. Wilkins, Vita del Petrarca, Milano 1980). Il testo, dal raffronto tra un ideale di vita strettamente religioso e l’uomo Petrarca, afferma e difende valori che, se anche non riferibili prettamente all’ambito religioso, posseggono una loro verità e dignità; per questo motivo rappresenta un documento fondamentale tanto della cultura umanistica quanto di quella del primo rinascimento.

Sander 5595 e tav 337; Essling 2067.


Price: 2 600.00 EUR